3D Scanning Tool for AR

Adobe ha rivelato uno strumento di scansione 3D per AR, con la crescente popolarità delle tecnologie immersive, i designer hanno costantemente bisogno di nuovi modelli 3D per creare migliori esperienze utente virtuali. Nella creazione di risorse 3D è ancora un’attività estremamente complessa che richiede un alto livello di conoscenza specifica del dominio.

Scantastic ti consente di creare un modello 3D dell’oggetto reale in pochi minuti utilizzando la fotogrammetria.

Scantastic rende la creazione di risorse 3D accessibile a tutti. Utilizzando nient’altro che un dispositivo mobile (combinato con la pipeline di Adobe per la fotogrammetria basata su server), gli utenti possono facilmente scansionare oggetti nel loro ambiente fisico e trasformarli in modelli 3D che possono quindi essere importati in strumenti come Adobe Dimension e Adobe Aero.

Adobe Revealed a 3D Scanning Tool For AR

Come funziona il processo Adobe Scantastic?

Basta avere un dispositivo mobile di ultima generazione, e una volta avviato il processo Scantastic di Adobe utilizzando Adobe Dimension e Adobe Aero inizieremo ad analizzare l’ambiente che circonda, e gli elementi di cui vogliamo scansionare in 3D. Selezionata l’area da per la fotogrammetria, l’utente può avviare il processo di acquisizione, una volta che queste foto sono state catturate, possono essere salvate per creare un cloud per l’elaborazione.

Creato il modello 3D, l’utente può quindi inserirlo in una scena 3D all’interno di Adobe Dimension dove il modello può essere ruotato e riposizionato o ingrandito.

Con il modello 3D in Adobe possiamo andare a creare un’esperienza unica in AR. Possiamo inviare il modello 3D a un altro utente, che può avviare il modello in Adobe Aero per mostrare il modello digitale dell’oggetto in una scena reale traccata dal vivo attraverso la fotocamera del dispositivo mobile.
In sostanza, Scantastic consente agli utenti di catturare in 3d un oggetto del mondo reale e creando un modello 3D scansionato, e poi andarlo a condividere con altri utenti per l’esperienza in AR.

Article Comments